The Wild Blue Yonder

L'ignoto spazio profondo

Werner Herzog / Francia, Germania, Regno Unito / 2005 / 81 min / Colore

Un cielo ghiacciato e azzurro sovrasta silenzioso un pianeta di elio liquido, un vasto mondo ricco di vita e di creature senzienti. Dall’orizzonte morente della galassia di Andromeda, gli alieni abbandonarono quel pianeta e partirono per approdare sulla Terra. Alla ricerca di una nuova bellezza, come racconta il narratore alieno, fallirono replicando gli errori umani sulla superficie terrestre. Ora l’uomo sta per intraprendere un’esplorazione speculare, alla ricerca di nuovi mondi in cui sopravvivere. L’ignoto spazio profondo di Werner Herzog è una creatura cinematografica sfuggente a ogni definizione: ribaltando la prospettiva delle immagini documentaristiche e dei filmati Nasa, il regista compone una sinfonia visiva e sonora che attraversa la fantascienza per parlare a un pianeta morente, a un’umanità stanziale e immemore di ogni poesia, che sogna di aprire centri commerciali in altri pianeti, abbandonando la Terra per sempre. Brad Dourif, alieno solitario che contempla le rovine dei non luoghi da lui eretti, ammonisce l’umanità dall'involuzione soggetta al nostro desiderio di conquista di ogni orizzonte, di ogni cima, di ogni forma di vita. 

  • Werner Herzog

    Werner Herzog

    Nato a Monaco nel 1942, è cresciuto in un piccolo villaggio della Baviera e ha trascorso la sua infanzia senza mai vedere un film. Ha girato il suo primo film a diciannove anni, al quale sono seguiti più di cinquanta titoli tra film e documentari che gli hanno dato fama mondiale. Di lui il Film Festival della Lessinia ha già proposto Grizzly Man, Fitzcarraldo, Kalachakra, la ruota del tempo, Cave of Forgotten Dreams.

Credits

Formato  HDSoggetto Werner HerzogSceneggiatura Werner HerzogFotografia Henry Kaiser, Tanja Koop, Klaus ScheurichMontaggio Joe BiniMusica Ernst Reijseger, Mola Sylla, Concordu e Tenore de Orosei

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e segui da vicino il Film Festival della Lessinia

Iscriviti